Michele Rege

Michele Rege – Nato nel ’47 a Coazze. Lavorò 39 anni nel campo della lavorazione di metalli con macchine utensili. Dal 2006 si diverte a percorrere antichi sentieri… nel dicembre del 2016 pubblica il libro “RACCONTI E RICORDI DELLA VALSANGONE” tratto dall’omonimo gruppo Facebook da lui fondato un anno prima e dal quale sono stati tratti quasi tutti i racconti, i commenti e le immagini di questo nuovo libro. Giorgetta Usseglio – Nata a Maddalena, una frazione di Giaveno nel 1947.  Nel ‘63 si trasferisce a Giaveno con i genitori. Comincia presto a lavorare in una grande azienda di elettrodomestici dove ha l’opportunità di avvicinarsi all’informatica che diventerà una vera passione. Rimarrà alle dipendenze della stessa azienda per 35 anni. Alla fine degli anni ‘90 comincia a cimentarsi con l’acquerello e la manipolazione di terre. Nel 2016 conosce Michele Rege e partecipa con entusiasmo al gruppo Facebook da lui fondato

Daniela Ferraro Pozzer

Daniela Ferraro Pozzer. Vivo a Roma, mi interesso di fiabe e miti da sempre, e amo la Natura. I libri per ragazzi e bambini che scrivo tentano di diffondere, in modo leggero e fantasioso, una serie di valori che ritengo importantissimi. Primi fra tutti, l’impegno ecologico, l’immaginazione, il legame attivo nei confronti degli altri e la conservazione delle tradizioni che ci avvicinano alla Natura, ai suoi ritmi e, spesso, all’essenza di noi stessi.

Carlo Pognante

Carlo Pognante, nasce a Sangano (TO) nel 1948. Geometra libero professionista, da sempre appassionato di scrittura. Con questo secondo romanzo, dopo Ortensia Rosa Mambroni – La Ciapamerlo, Pognante continua il suo percorso narrativo di vita e di storia dei piccoli paesi intorno alla grande città.

Stefania Lo Nigro

Stefania Lo Nigro è nata a Bergamo il 12 agosto 1980. Trasferitasi a Milano per motivi di studio, vi è rimasta a viverci, scegliendola dunque comecentro del suo universo. Dopo avere conseguito la laurea in Relazioni Pubbliche presso l’Università IULM e ottenuto un Master in Economia Ambientale all’Università Bocconi inizia a occuparsi di comunicazione e marketing in uffici stampa e aziende. L’arrivo della sua primogenita cambierà il corso della sua vita: da più di cinque anni Stefania fa la mamma di due bambini a tempo pieno ottenendo soddisfazioni e sfidando paure e ansie quotidianamente. Nonostante la frenesia delle sue giornate, ha sempre coltivato la sua passione per la lettura e la scrittura ed è dunque contenta di avere ultimato il suo primo libro, Non mi resta che scrivere, che vuole essere un omaggio al mondo femminile, alle sue fatiche e alle sue complicazioni.

Fabrizio Legger

Fabrizio Legger, in arte Postremo Vate (Ultimo Poeta), è nato a Pinerolo, il 6 aprile 1964, sotto il segno di fuoco dell’Ariete. Ha scritto il suo primo raccontino all’età di 9 anni. Laureato in Lettere Moderne, svolge attività di pubblicista. Sinora ha pubblicato 40 libri, tra poesia, saggistica e narrativa. È stato premiato in diversi concorsi letterari e alcune sue poesia sono state tradotte in lingua russa, in lingua brasiliana e in lingua cinese. Ama moltissimo l’Oriente ed è seguace della fede manichea. La sua poesia è incentrata sul conflitto tra la Luce e le Tenebre, nonché sul dissidio tra le aspirazioni celesti e le lusinghe terrene. La sua passione per le civiltà orientali, la sua forte carica erotica e le sue inquietudini religiose sono elementi caratteristici della sua poesia. La musica e la pittura, così come i viaggi, sono spesso motivi della sua ispirazione poetica.

Marco Ieva

Marco Ieva è nato a Torino, cultore delle più svariate attività artistiche, riesce attraverso la scrittura, a ritagliarsi momenti di puro benessere, con la speranza che, prima o poi, questi possano diventare di ordine quotidiano. Marmellata Rossa nasce da una sua composizione musicale; la prima edizione è stata data alle stampe nel 2015 per SensoInverso Edizioni. Nel 2016 pubblica il suo Thriller Noir Sottile Notte e nel 2017 esce il suo fantasy metropolitano Cari aRmati, entrambi per i tipi di Echos edizioni.

Dani Fiorenza

Dani Fiorenza, classe 1984. Dopo aver conseguito il diploma di Regia e Sceneggiatura Cinematografica alla Scuola Nazionale di Cinema Indipendente di Firenze ha lavorato a Los Angeles e Londra, come assistente alla regia nella produzione di spot pubblicitari e video-clip. Ha scritto, diretto e prodotto diversi cortometraggi e ha collaborato come copywriter con alcune agenzie pubblicitarie italiane. Tutto quello che mi succede è colpa mia è la sua pubblicazione di esordio

Luca Fantasia

Luca Fantasia, nato a Roma. Laureato in Giurisprudenza alla Sapienza, lavora come aiuto regista per diverse produzioni cinematografiche e televisive. Autore e direttore di cortometraggi e documentari. La pittrice è il suo romanzo d’esordio.

Piero Ferrari

Piero Ferrari nasce a Pavia nel 1960. Nella medesima città completa gli studi superiori e consegue la Laurea in Filosofia. Ha esercitato, per alcuni anni, la professione di insegnante nelle Scuole dell’obbligo. Attualmente è docente ordinario di cattedra in Storia e Filosofia presso un Liceo Statale. I suoi interessi investono il pensiero filosofico, la letteratura e la critica d’arte.

Anna Lina De Sario

Anna Lina De Sario nasce nel 1982 a Canosa di Puglia. Sin da piccola ama scrivere e disegnare storie fantastiche, da leggere nell’ora del tè alle sue amate bambole e al coniglietto Bunny. Dopo aver conseguito la maturità scientifica, si iscrive al corso di Lingue e Letterature straniere. La passione per il disegno e la scrittura è sempre in fondo al suo cuore, nel 2013 partecipa al concorso artistico letterario Il Volo di Pegaso“Raccontare le malattie rare: parole e immagini” con il racconto L’attesa di Alice. Il racconto è stato inserito nel volume il Volo di Pegaso Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Malattie Rare. Si trasferisce a Torino, dove segue il corso triennale di Illustrazione alla Scuola Internazionale di Comics dove si specializza nel luglio 2015. La tecnica utilizzata nelle sue illustrazioni è mista: Ecoline, acrilico e matite colorate. Adora collezionare libri illustrati ed enormi tazze da colazione, utili per riporre matite e pennelli. Crede fermamente nel potere del colore e dell’immaginazione, doni preziosi sviluppati nell’infanzia, da custodire e preservare nell’età adolescenziale e da riscoprire senza vergogna nell’età adulta.